In design progetti

L'interior designer on line



Quanti di voi hanno pensato di chiedere un progetto di Interior Design col timore di spendere una fortuna? 

Oggi la tecnologia ci viene in aiuto per permettere a chiunque di realizzare il proprio sogno di avere una casa progettata da un Interir Designer, ad un prezzo accessibile a tutti e soprattutto senza muoversi dal divano di casa.
progetti d'arredo on line

Il funzionamento è molto semplice. Infatti è sufficiente fornire alcuni dati:

- una planimetria quotata con specifiche di porte, finestre e ingombri (ad esempio i termosifoni)
- fotografie delle stanze (necessarie per avere un quadro generale dell'ambiente)
- i colori che preferite o che avete pensato di utilizzare
- lo stile di arredo che vi piacerebbe inserire (inviate delle foto di arredi che vi piacciono)
- una descrizione dei vostri gusti, necessità, aspettative.

Entro pochi giorni riceverete il vostro progetto tramite mail, completo. Ma quanto costa?

Essendo un progetto "su carta", dove quindi non è necessaria la mia presenza per seguire i lavori, i costi si abbattono. Scegliete il pacchetto che fa per voi.

PACCHETTO EASY €5 m2
- mood ispirazionale
- mood colori
- mood materiali
- pianta dello stato di fatto (senza modifiche)
- pianta 2D con ingombro degli arredi 
- suggerimenti
- shopping list

PACCHETTO SMALL €10 m2
- mood ispirazionale
- mood colori
- mood materiali
- pianta dello stato di fatto (senza modifiche)
- pianta 2D con ingombro degli arredi (senza modifiche murarie)
- viste 3D
- suggerimenti
- shopping list

PACCHETTO RENDER €15 m2
- mood ispirazionale
- mood colori
- mood materiali
- pianta dello stato di fatto (senza modifiche)
- pianta 2D con ingombro degli arredi (senza modifiche murarie)
- viste 3D
- Render fotorealistico
- suggerimenti
- shopping list

PACCHETTO COMPLETO €30 m2
- mood ispirazionale
- mood colori
- mood materiali
- pianta dello stato di fatto (senza modifiche)
- pianta 2D con ingombro degli arredi (senza modifiche murarie)
- esecutivi:
    - demolizioni/costruzioni
    - schema impianto elettrico/domotico
    - schema posa pavimenti/rivestimenti
- viste 3D
- Render fotorealistico
- suggerimenti
- shopping list




Nel prezzo, oltre ai classici contatti mail, telefonici e whatsapp, sono compresi anche incontri tramite skype (previo appuntamento) in modo da poterci conoscere (anche se in modo virtuale) così che possiate raccontarmi di voi e del progetto che volete realizzare.

I tempi di esecuzione del progetto possono variare in funzione della complessità e dal numero di ambienti, indicativamente 10/20 giorni lavorativi.

Tutto il materiale del progetto definitivo vi verrà inviato tramite mail e sarà possibile apporre qualche piccola modifica (max.2 per ambiente), mentre le modifiche che tendono a stravolgere il progetto iniziale andranno considerate e pagate quanto un nuovo progetto. I pagamenti possono essere effettuati tramite Paypal o bonifico bancario.

Per ulteriori informazioni non esitate a contattarmi. Risponderò a qualsiasi vostro dubbio.



Read More

Share Tweet Pin It +1

0 Comments

In design progetti TENDENZA

Tre locali nella provincia milanese

Il progetto riguarda un nuovo appartamento di tre locali nella provincia milanese. La suddivisione dei locali era già presente ed è stata mantenuta, l'unica richiesta della committenza era di avere la cucina aperta sul living.

Planimetria di progetto d'arredo


IL LIVING

Per il living sono stati scelti colori con un forte carattere: un blu denim come predominante con accenti di giallo per ravvivare ed il bianco utilizzato come neutro.

Vista del living dall'angolo pranzo

Vista del living dall'ingresso


Vista del living dall'angolo lettura



LA CUCINA

La cucina ha una piccola finestra ed un angolo lavanderia. La committenza ha richiesto che venisse aperta sul living ma che al contempo si potesse chiudere all'occorrenza e che la lavanderia non fosse visibile senza però l'ausilio di muri.
Disegno progetto cucina



Abbiamo quindi provveduto a demolire il muro sostituendolo con una vetrata con intelaiatura in metallo con porte scorrevoli. La zona lavanderia è stata opportunamente "chiusa" al living tramite una tenda a pacchetto uguale a quelle utilizzate per le altre finestre mentre, dall'interno della cucina, tramite una porta scorrevole di vetro grigio.

Divisione interna cucina/lavanderia
Schermatura della lavanderia sul living



LA CAMERA DA LETTO

All'interno della camera da letto è stata ricavata una cabina armadio, realizzata con pareti a vetro leggermente sabbiato in modo da lasciare una semi-trasparenza.

progetto camera da letto con cabina armadio
Camera da letto


Sulla parete dietro al letto è stata utilizzata una wall paper con disegno chiaro, richiamata da stampe su canvas poste sulla parete di fronte.
progetto camera da letto con cabina armadio
Vista della camera da letto




LA CAMERETTA

La cameretta di metratura piccola, è stata sfruttata con un doppio letto a scomparsa: chiuso ha un comodo divano che scompare all'apertura del letto sotto, mentre il secondo letto è a castello soprastante. Un armadio d'angolo ed una scrivania sotto la finestra racchiudono la wall paper con personaggio dei fumetti.

Cameretta con letti a scomparsa


IL BAGNO

Il piccolo bagno è stato sfruttato con una grande doccia walk-in delimitata da piastrelle con textur diversa dal resto del bagno ed un vetro a protezione. I sanitari sospesi posti sul fondo uno in fronte all'altro hanno dato spazio ad un mobile, anch'esso sospeso, con doppio lavabo. Un termoarredo elettrico è stato disposto dietro la porta.





IL DISIMPEGNO

Nel piccolo vano del disimpegno che divide la zona giorno dalla zona notte ed il bagno, è stato ricreato l'effetto scatola grazie alle porte filo muro ed una tappezzeria con disegni geometrici effetto rilievo che creano movimento. Le lampade poste sopra ogni porta creano un cono di luce indicativo di ogni ingresso ed una leggera luce diffusa riflessa dal soffitto.

Disimpegno effetto scatola



IL BALCONE

Il balcone posto sulla parte anteriore della casa. Sono state poste due fioriere in legno: una per i fiori ed una per le piante aromatiche. Al centro un tavolo con sedie ed una panca con mensola e ganci porta oggetti.

Balcone. Vista del tavolo.

Vista completa del balcone


Read More

Share Tweet Pin It +1

0 Comments

In curiosità design progetti TENDENZA

Home Staging: cos'è e a cosa serve

Ne avrete di certo sentito parlare, forse su una rivista oppure dal vostro agente immobiliare. Ma che cos'è l'home staging? E soprattutto a cosa serve?

L'home staging è un metodo utilizzato per presentare la vostra casa al meglio ad un futuro acquirente o affittuario. Aiuta a creare un ambiente accogliente, in cui ci si immagina già di abitare, ci si sente "a casa".


Negli Stati Uniti è già una realtà consolidata da più di quarant'anni. Da oggi anche a Bareggio e Rho l'Home Staging è di casa. Nella maggior parte dei casi i proprietari che vogliono affittare o vendere casa si affidano ad un professionista per accelerare il processo di vendita/affitto. 

Ma non solo. Secondo le statistiche lo sconto medio praticato su immobili che sono stati approntati con l'home staging, si riduce da un 12,3% a solo un 5%. Un ottimo motivo per affidarvi ad un Interior Designer esperto di Home staging.

Bastano davvero pochi accorgimenti per rendere una casa accattivante, che sia ammobiliata o no. Vediamo le differenze.

Se l'appartamento è ammobiliato saranno sufficienti piccoli ritocchi:

Prima di tutto via soprammobili e fotografie che parlano di voi: l'ambiente deve essere più neutro possibile.


Cambiare posizione ai mobili o addirittura eliminarne qualcuno per alleggerire l'ambiente, magari definendo delle aree specifiche con dei tappeti.

Ridipingere le pareti per dare l'impressione di "nuovo", utilizzando colori neutri, evidenziando una parete (ad esempio quella dietro il letto)

Vivacizzare l'ambiente con complementi d'arredo ed un'illuminazione ad hoc per dare l'impressione che l'ambiente sia vissuto (centrotavola, piante, cuscini, coperte, lampade da terra ecc.) 

Ma se l'immobile è vuoto? Niente paura. tutto ciò che è stato detto sopra si può ricreare con pochi mobili presi in affitto e accessori che si acquistano con una piccola spesa.


Naturalmente solo un professionista con conoscenze in Interior Design può darvi la consulenza necessaria a definire l'ambiente perfetto per la presentazione.
In pochi e semplici passi e soprattutto con una minima spesa, il nostro studio potrà sistemare il vostro immobile e renderlo appetibile per il mercato, facendovi affittare o vendere più velocemente rispetto ad altri che non hanno pensato di affidarsi all'home staging. Se volete maggiori informazioni contattatemi.



Una curiosità: il noleggio degli arredi può riguardare anche mobili realizzati in cartone. Date un'occhiata ai link qui sotto, ne rimarrete estasiati.

NARDI mobili in cartone
A4Adesign
Kubedesign


Richiedi la miniguida gratuita che spiega che cos'è l'home stage. Compila il modulo contatti qui accanto e scrivi nel campo messaggio "Miniguida Home Stage". Riceverai una mail contenente la miniguida in formato PDF.
Richiedila subito!



Read More

Share Tweet Pin It +1

0 Comments

In curiosità design progetti

Perché affidarsi ad un Interior Designer?

Quando acquistiamo una nuova casa, ristrutturiamo quella in cui già abitiamo ci ritroviamo a porci domande a cui è difficile dare risposte e così cominciamo a chiedere consigli ad amici e addetti vendita dei vari negozi (colorificio, arredamento, illuminazione) senza però che questi (ma spesso nemmeno noi) sappiano bene quale debba essere il risultato finale.
arredamento progetto interior design


Affidarsi ad un Interior Designer ha invece molti vantaggi tra cui il risparmio di tempo e denaro.

Si, proprio così! Anche se suona un controsenso si possono risparmiare dei soldi pagando qualcuno per fare un lavoro. Vi spiego perché.


UN VERO PROFESSIONISTA

l’Interior Designer è un vero professionista nel creare armonia in un ambiente.

Abbinare i colori, materiali, texture e tessuti con equilibrio, arredare coniugando funzionalità ed estetica, ridisegnare la pianta di casa per renderla più ospitale e vivibile magari ricavando un locale in più ridistribuendo gli spazi, non è improvvisazione ma il risultato di nozioni e tecniche acquisite ed anche di buon gusto.


RISPARMIO DI TEMPO E DENARO

Questo forse è l’aspetto a cui molti fanno fatica a credere, ma se state leggendo questo articolo è probabile che abbiate comprato casa o dobbiate ristrutturare. Bene. Ora pensate a quanto tempo dovrete dedicare per girare per negozi a cercare i mobili giusti, chiedendo preventivi, non avendo le idee molto chiare su come sarà il risultato, se si abbinerà col colore delle pareti (già...le pareti...di che colore le facciamo?), con i mille “e che ne dici di questo?” che contribuiranno ad aumentare la confusione mentale.

L’Interior Designer vi toglierà dall’impaccio



Dopo il sopralluogo e l’incontro conoscitivo, procederà col creare uno o più progetti, ve li mostrerà su pianta ma anche in 3D con foto realistiche del progetto finale in modo che possiate immergervi nella “vostra nuova casa”, vedendo così l’effetto finale (senza doverlo immaginare). 

Dopodiché comincerà a contattare fornitori e artigiani di sua fiducia riuscendo così ad ottenere anche i prezzi migliori per realizzare ciò che fino ad ora è stato virtuale nel rispetto del budget.

scelta del colore nell'interior design


Tutto questo mentre voi andate al lavoro, in palestra, a fare la spesa, sbrigate le faccende di casa, andate a prendere i bambini a scuola….

Quindi ricapitolando: 

- voi impiegate il vostro tempo per le vostre cose
- risparmiate denaro rispettando il budget prefissato
- eviterete accostamenti sbagliati che vi costerebbero altri esborsi per sistemarli
- il tutto pagando una persona che lo faccia al posto vostro

Meglio no?


IL PROGETTO IN 2D-3D E IL RENDER

Come già anticipato nelle righe sopra, l’Interior Designer realizzerà uno o più progetti;

questo vi darà la possibilità di scegliere quello che più vi si addice o richiedere aggiustamenti prima dell’approvazione definitiva.

Il progetto verrà presentato in pianta (2D) per avere un’idea d’insieme dell’arredo ed eventuali modifiche apportate alla pianta originale (demolizioni/costruzioni), dopodiché con le immagini in 3D e il render potrete vedere l’effetto finale completo, in un viaggio virtuale all’interno della vostra nuova casa.

foto di render fotorealistico 3D


ATTENZIONE AI DETTAGLI

In una ristrutturazione non basta solo “rifare a nuovo”, tutto deve avere un filo conduttore, un unico stile per tutte le stanze, i colori in armonia tra i vari ambienti, un dettaglio colore che caratterizzi il locale, un accento dato da un oggetto di design, la posizione ed il tipo di illuminazione (perché con la luce si arreda!), piante e fiori, ecc.

Bisogna avere l’attenzione per i dettagli che, si sa, sono quelli che fanno la differenza tra una casa “arredata bene” ed una arredata da un Interior Designer.



UNICO REFERENTE

Per ogni fase del progetto avrete come referente il vostro Interior Designer.

Infatti sarà lui/lei ad organizzare l’avvicendarsi di tutte le maestranze (muratori, idraulico, elettricista, mobilieri per la consegna ed il montaggio, tappezziere, artigiani ecc.), in questo modo verranno anche rispettati i tempi di consegna.



Avete ancora dei dubbi? Scrivetemi le vostre domande e sarò felice di rispondervi.

Francesca




Read More

Share Tweet Pin It +1

0 Comments

In design pannello tendenza progetti TENDENZA

Note di barocco

Note di Barocco

Pannello tendenza realizzato per Artef Design. Un'ambientazione moderna con un tocco Luxury dello stile Barocco, in un contrasto di nero e bianco con la luminosità dell'oro. Un progetto particolare che unisce due stili molto diversi tra loro ma che possono coesistere dando vita ad una scenografia da film Hollywoodiani.


Read More

Share Tweet Pin It +1

0 Comments

In design pannello tendenza progetti TENDENZA

Crema di latte

Crema di Latte


Pannello tendenza realizzato per Artef design. Per un arredo sobrio e luminoso ho preso ispirazione dai colori di una crema di latte, con i toni caldi del tortora/crema e del legno sia in wengè che in rovere che domano un piacevole contrasto.

Read More

Share Tweet Pin It +1

0 Comments

In design pannello tendenza progetti TENDENZA

Giochi di grigio

Giochi di Grigio



Il pannello tendenza realizzato per Artef Design, gioca sulle tonalità del grigio abbinando colori neutri come il bianco e il crema,in contrasto con il legno di mogano che dona calore e l'accento del giallo per un tocco di luminosità ad un ambiente sobrio ed elegante, richiamando in qualche modo il colore prezioso dell'oro.

Read More

Share Tweet Pin It +1

0 Comments

In progetti

Progetto giardino

 La progettazione del giardino di una villa

La parte dell'ingresso sul retro con la gradinata che porta al giardino. Sono state posizionate delle ortensie sulle discese, che creano una macchia di colore in piena fioritura.

Read More

Share Tweet Pin It +1

0 Comments

In curiosità design

MoDIAP Mostra Design Industria Artigianato





La prima edizione della Mostra sul Design Industria e Artigianato - Le eccellenze del territorio pisano. 

MoDIAP è la mostra sul design l'industria e l'artigianato con le eccellenze del territorio pisano. La prima edizione della manifestazione che ha messo in "viaggio" aziende di rilevanza internazionale, spesso poco conosciute sul territorio, le ha fatte tornare per incontrare il pubblico e comunicare sinergicamente con espressioni più artigianali ma decisamente interessanti e di alta qualità, spesso dove le une hanno bisogno delle altre.

Read More

Share Tweet Pin It +1

0 Comments

In curiosità design

EUROLUCE 2017: FIERA INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO DEL MONDO DELLA LUCE

Light: la quarta dimensione del design in equilibrio tra funzionalità funzionalità ed emozionalità


Il Salone Internazionale dell'illuminazione giunge alla sua 29ª edizione e apre le porte ai visitatori da martedì 4 a domenica 9 aprile 2017 presso il quartiere fieristico di Rho. In mostra le nuove frontiere dell'illuminazione d'ambiente che rendono Euroluce punto di riferimento del settore a livello mondiale. 


Con il Salone Internazionale del Mobile 2017 torna Euroluce che, con oltre 39.000 metri quadrati di spazio espositivo suddivisi in 4 padiglioni (9-11 e 13 -15) e i suoi 454 espositori tra i migliori del settore, di cui la espositori la metà estera, si conferma la fiera internazionale di riferimento del mondo della luce. Quest'anno innovazione tecnologica e approccio architetturale e di progetto saranno gli indiscussi protagonisti. 





L'ampia offerta offerta produttiva, unica per varietà e completezza, spazia dalle novità relative agli apparecchi per l'illuminazione d'ambiente alle innovazioni in fatto di sistemi di sistemi di illuminazione, sorgenti luminose e software per le tecnologie della luce, all'uso di nuovi e originali materiali ecosostenibili. Illuminazione classica, decorativa e design-oriented per l'interior e l'outdoor ma anche per i settori contract e workplace e prodotti sviluppati per il settore illuminotecnica rendono Euroluce la più stimolante piattaforma internazionale per il mercato dell'illuminazione e, in questo senso, un imperdibile appuntamento per gli operatori del mercato. 

Euroluce non è solo luogo di incontro e di business, ma anche incubatore di tendenze e ispirazioni. In questa edizione vedremo ispirazioni di lighting design contemporaneo e futuro punta sempre più a creare progetti d'illuminazione atti a migliorare migliorare benessere e la qualità della vita e delle attività svolte in ogni tipologia di spazio. 


Sfida del settore sarà, infatti, la ricerca di un equilibrio armonico tra i due valori del prodotto luminoso: da un lato, la valenza della funzionalità – intesa come capacità di rispondere in modo efficiente alle necessità di illuminazione – dall'altro, quella dell'emozionalità – intesa come percezione fisica ed emotiva dello spazio illuminato. 

Questo equilibrio è il fine ultimo delle nuove tecnologie LED e OLED e dei sistemi intelligenti di illuminazione di ultima generazione in mostra. Le prime puntano a creare la simbiosi perfetta tra luce e spazio costruito , dando origine a quella che viene definita luce architetturale interessata cioè a come colore, intensità e diffusione influiscano sul benessere e sull'efficienza delle persone.  

I secondi invece permettono di connettere la luce a sistemi domotici e di automazione per renderla responsive e capace di adattarsi ai nostri stati d'animo e alle differenti circostanze, creando l'atmosfera a noi più congeniale e assicurando una sinergia perfetta tra efficienza energetica, comfort e sicurezza. La luce diventa dunque un linguaggio e il corpo illuminante è un oggetto “parlante” che instaura un dialogo emozionale con gli ambienti circostanti per generare differenti livelli di comfort. 


Euroluce 2017 evidenzierà come l'utilizzo di queste tecnologie dia anche nuovo impulso alla progettazione dell'oggetto lampada, che si arricchisce di nuove forme e significati. La possibilità, ad esempio, di pensare all'illuminazione in modalità wireless permette di creare sorgenti luminose trasportabili, sia all'interno sia all'esterno degli spazi abitativi, supportando la tendenza alla progressiva ibridazione degli ambienti domestici i cui confini sfumano sempre più gli uni negli altri. 

Read More

Share Tweet Pin It +1

0 Comments

In curiosità

SPACE & INTERIORS 2017, DETTAGLI PER L’ARCHITETTURA

La mostra-evento esplora il senso dell’abitare contemporaneo in termini di finiture e materiali. Tema chiave dell’unico evento connesso al Salone del Mobile.Milano sarà la “leggerezza”. 

Dopo il successo della prima edizione, che ha visto la partecipazione di oltre 8.000 visitatori professionali (di cui il 30% esteri), ritorna space&interiors, l’unico evento connesso stabilmente con il Salone del Mobile.Milano e dedicato alle finiture per l’architettura. Presso The Mall Porta Nuova, nel Brera Design District di Milano, superfici, pavimenti, porte, maniglie, colore e decorazione, serramenti, rivestimenti, finiture e architettura d’interni verranno presentati in un allestimento suggestivo. 


Da martedì 4 aprile a sabato 8 aprile 2017 space&interiors valorizzerà un mondo seguito con sempre maggiore interesse da designer e progettisti mantenendo il legame dialettico, efficace e di grande impatto con la Design Week milanese. La frequentazione intensa, vivace e di altissimo profilo registrata nel 2016 ha confermato il ruolo di space&interiors come occasione fondamentale per catturare l’attenzione dei professionisti alla ricerca di nuove idee e prodotti inediti per i propri progetti. 

Il nuovo allestimento, a cura dello studio Migliore+Servetto Architects, animerà l’area offerta da The Mall, nel cuore di Porta Nuova, innovativa location alla base della Diamond Tower. Se il Salone del Mobile.Milano si concentra sugli oggetti finiti, space&interiors approfondirà tutto quello che costituisce il mondo degli interni, delle finiture e dei serramenti di qualità. L’intero spazio espositivo è concepito come un vero e proprio racconto sul mondo delle finiture che si compone nell’alternanza e interazione tra aree diverse. Il visitatore, muovendosi lungo una suggestiva promenade, si confronterà infatti con tre realtà differenti connesse tra loro all’interno dello stesso spazio: una strettamente commerciale di esposizione e conoscenza del prodotto (con stand allestiti secondo il progetto di exhibition design integrato), un’area molto dinamica di accoglienza destinata a incontri più ravvicinati di business e, infine, un’altra più immersiva che ospita un’installazione dinamica per focalizzare l’attenzione su qualità e caratteristiche dei singoli prodotti. 


La mostra “Absolute lightness”, concepita da Migliore+Servetto Architects, mette in evidenza il tema della leggerezza, attraverso cui leggere le differenti proposte di aziende e prodotti in esposizione. La leggerezza è tema cardine da sempre nell’architettura: è sostenibilità, è rapporto con gli altri materiali, è rapporto con la luce… L’allestimento si sviluppa attraverso tre diversi livelli di racconto. Un sistema di narrazione collegato che invade l’ampia promenade centrale dove, intorno ai lunghi tavoli bianchi, i visitatori potranno approfondire contenuti e prodotti, anche attraverso una app interattiva, studiata appositamente per questo percorso di conoscenza. A un livello intermedio, dietro lastre specchianti che dilatano lo spazio in nuove dimensioni, prende vita un racconto di grafica dinamica sul tema della leggerezza, composto da citazioni, immagini mirate di prodotti ed elaborazioni grafiche. 

Il tema della leggerezza trova infine un’ulteriore declinazione nel livello superiore. Qui un articolato sistema, che integra proiezioni dinamiche e luce, anima le aeree strutture che si allungano sopra i tavoli; inoltre, a sottolineare il valore delle transizioni, i passaggi tra un tavolo e l’altro sono evidenziati da grandi piani circolari di proiezione sospesi e da linee di luce sottili. Le proiezioni indagano così la leggerezza secondo varie accezioni: la leggerezza nella luce, nella natura, nelle architetture utopiche e in relazione ad altri elementi, per arricchire di contenuti e significati il percorso di scoperta dei materiali e dei prodotti presentati. “Abbiamo costruito uno spazio narrativo per mettere in evidenza il tema della leggerezza, un tema centrale, da sempre presente e fondamentale nell’architettura e in generale nel progetto che si confronta con materiali e spazi”, spiegano Ico Migliore e Mara Servetto


Anche nell’edizione 2017 space&interiors ospiterà momenti di incontro e approfondimento culturale. Un’area lounge sarà infatti interamente dedicata agli Archicocktails. A intervenire saranno varie personalità del mondo del design e dell’architettura che dialogheranno con i visitatori sui trend più attuali della progettazione e della realizzazione. Tra i protagonisti: Fabio Novembre, Luca Molinari, Carlo Lazzarini, Carl Pickering, Alfonso Femia, Carla Baratelli, Fabio Rotella, Duccio Grassi. 

Da segnalare, infine, la mostra “La Luce del Marmo” promossa da IMM e dedicata al design nel rispetto di tre temi conduttori: il marmo di Carrara, la leggerezza e la luce come elemento di valorizzazione della materia e delle forme.


Read More

Share Tweet Pin It +1

0 Comments

In curiosità

TORTONA DESIGN WEEK 2017 - Design to connect 4-9 aprile 2017

Una Milano sempre più internazionale e proiettata verso il futuro, dove moda, design e cultura si confermano simboli di eccellenza e motori di nuove opportunità, capaci di attrarre i giovani e di dare spazio a innovazione ed energie imprenditoriali: è questo il contesto fotografato dalla società di ricerche GfK in cui si inserisce la Design Week 2017. Un’evoluzione – quella della Milano contemporanea – che rispecchia anche la vivacità e il fermento di una zona, come Tortona, che nel tempo ha saputo trasformare l’intuizione innovativa del Fuorisalone in un vero e proprio distretto attivo tutto l’anno, punto di riferimento per le industrie creative e non solo.


Se Milano è connessa, ora più che mai, con il panorama italiano e internazionale in diversi ambiti, a partire dal design stesso, così anche Tortona è in connessione continua con la città: da quartiere operaio, sede di manifatture produttive, questa zona si configura oggi come vero e proprio hub di innovazione e produzione culturale, ponte fra idee, progetti e persone.

Dopo il successo dell’edizione 2016 – che ha visto 150.000 visitatori per oltre 200 eventi e 20 paesi rappresentati – la Tortona Design Week si conferma anche quest’anno uno dei poli fondamentali in città durante la settimana del design, meta di riferimento per i tanti appassionati del Fuorisalone (secondo GfK, tra i quartieri più attrattivi per oltre il 76% delle persone che hanno partecipato alla Design Week).

Tante le novità e i protagonisti presenti in zona durante la Design Week 2017: designer, progetti e aziende provenienti da tutto il mondo – in particolare Cina, Brasile, Germania, Giappone, Francia, Lettonia, Messico, Olanda, Polonia, Singapore, Turchia, UK e USA – per indagare e raccontare i nuovi paradigmi del design contemporaneo, sempre più interconnesso, flessibile e portato a misurarsi con bisogni ed esigenze in continua evoluzione. Dal design nomade al colore, dalla manifattura 4.0 al design sociale fino ai nuovi trend nell’arredo e nell’interior design, Tortona Design Week offrirà un ampio sguardo sul design del futuro e sui temi più attuali e interessanti sviluppati da aziende e designer.


A un anno dalla sua apertura BASE Milano si conferma, anche per questa edizione, Design Center della zona. Durante il Fuorisalone 2017 gli spazi dell’ex Ansaldo ospiteranno mostre, designer, imprese, università e diversi progetti dedicati al tema del design nomade. La mostra Design Nomade, primo progetto espositivo nato da una call internazionale a cura di BASE Milano e con le suggestioni di Stefano Mirti, presenta una serie di oggetti diversi tra loro, ma accomunati dall’idea di un design agile pensato per rispondere ai nuovi bisogni del vivere contemporaneo: da Itaca, la casa portatile di Elena Bompani fino a WaterBed l’abitazione sull’acqua di Daniel Durin, passando per le sperimentazioni di HOMI Smart, con un focus dedicato al crossover tra design e nuove tecnologie.


L’esposizione si amplifica nell’installazione progettata dal collettivo romano Orizzontale. BASE Milano ospiterà anche l’evento “Manifattura 4.0. The challenge for the future of the Italian companies” organizzato da CNA Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media, che presenta due progetti speciali “Green Smart Living” e “rOBOTRIP | open tools for art and design”, nato dalla collaborazione tra WeMake e Caracol Design Studio, l’installazione a cura di Raumlabor e Moleskine, che durante la Tortona Design Week farà scoprire il processo creativo che si nasconde dietro il design del Classic Backpack. Sempre legato al tema del design nomade e parte della mostra in BASE Milano, Quiubox di Tomaso Boano e Jonas Prismontas, porta a Milano due strutture “itineranti” che diventeranno InfoPoint della zona ma soprattutto incubatore di conoscenza e di saperi. Quiubox diventa un punto di contatto tra le comunità di afrocolombiani e il processo del fare, una fabbrica temporanea per la creatività e l'azione sociale.

Quest’anno, Hotel Magna Pars Suites Milano e Magna Pars Event Space ospitano, tra gli altri, le opere emblematiche dello storico Atelier di maioliche faentine CERAMICA GATTI 1928, tra cui AIDIALETTICA del Maestro Luigi Ontani, che rappresenta il forte legame della famiglia CERAMICA GATTI 1928 con l’arte e gli artisti più noti dal futurismo ai giorni nostri. L’eclettico designer Karim Rashid animerà invece il party esclusivo del magazine F, che festeggia i suoi primi cinque anni partecipando per la prima volta alla Tortona Design Week.

Nel palinsesto degli eventi di Milano Space Makers si delinea una vera e propria “mappa” di contenuti, progetti sintomatici dei cambiamenti in corso, come collettive, collaborazioni tra aziende e designer di diversa nazionalità e iniziative che evidenziano nuove modalità di fruizione rappresentate dalle web sources. Molti i progetti di spicco tra cui MINI LIVING - "Breathe”, un'installazione che mostrerà come l'architettura possa offrire soluzioni creative per un vivere più consapevole ed eco-friendly, "CORIAN® CABANA CLUB", il progetto realizzato da Corian® Design Surface e Cabana Magazine, un viaggio multiculturale ed emozionale nel mondo del massimalismo e “Ròng” Contemporary Design Exhibition, una collettiva cinese molto raffinata che indaga l’utilizzo dei materiali tradizionali come carta, seta, bamboo, argilla e rame. Stellar Works, primo brand globale di design nato in Asia, presenterà l'installazione House Within a House dove saranno esposte le nuove collezioni di arredo a firma di Neri&Hu, direttori creativi del marchio, Space Copenhagen, Yabu Pushelberg e Crème. Vestre, storica azienda norvegese, proporrà un'interessante esposizione dedicata all'urban design offrendo così una visione innovativa dell’arredo urbano per una rinascita in chiave ecologica e creativa delle città contemporanee.
Da non perdere la collaborazione di Citroën e Gufram che darà vita ad un incontro irriverente da cui nasce una show car di C4 Cactus, sintesi dell’innovazione nell’uso di materiali evoluti e di un design ironico e fuori dagli schemi.

Per questa edizione, il SUPERDESIGN SHOW di Superstudio si tinge di colore con il tema scelto per il 2017 “TIME to COLOR!” e propone installazioni spettacolari che esaltano il prodotto: Tokujin Yoshioka per LG, artista e designer presente nelle collezioni permanenti di MoMA, Centre Pompidou e altri prestigiosi musei; gli incredibili vetri dei Giapponesi di AGC Asahi Glass in collaborazione con Jin Kuramoto e il pluripremiato studio londinese Raw-Edges; il progetto di Carpet Sign, tappeti “made in Holland” disegnati da Karim Rashid; il padiglione con il meglio del design emergente polacco a cura di Dorota Koziara; l’acclamato artista e fotografo francese Charles Pétillon per Sunbrella; il progetto di PepsiCo con Mathieu Lehanneur, Luca Nichetto, Fabio Novembre, lo chef Davide Oldani, Studio Job, Patricia Urquiola e molti altri. Ricerca internazionale in tutto il mondo con la mostra “Discovering: People & Stories”, proposte dei nuovi autori di design con l’intervento artistico di Alessandro Guerriero; i Selected Objects, collettiva dedicata alle piccole e medie aziende, e Materials Village, il meglio dell’innovazione dei materiali a cura di Material ConneXion con una grande installazione di Studio Patricia Urquiola per 3M.

Tortona Locations anima i suoi spazi con progetti internazionali e collaborazioni, come quella con il German Design Council che presenterà i prototipi dei 21 designer vincitori di “ein&zwanzig”, il concorso internazionale nato per promuovere le nuove generazioni di designer, e con P!NTO SEATING DESIGN, il brand giapponese che aprirà il suo primo temporary shop in occasione della Tortona Design Week. Sarà inoltre possibile scoprire la nuova collezione di ARREDI SiAmoscarti, laboratorio di falegnameria tutto al femminile e, tra un progetto e l’altro, fare una partita a ping-pong e scoprire il tavolo INFINITY di San-Ei Corp scelto per le recenti Olimpiadi. IQOS Pathfinder Project, piattaforma culturale globale che sostiene i talenti creativi più innovativi, presenterà l’installazione di Davide Quayola, Jardins d'Été: una serie di video digitali ispirati all’impressionismo francese e alle ultime opere di Claude Monet. In occasione della Tortona Design Week 2017, il brand norvegese Casa Stokke®, oltre a presentare la sua ultima collezione, offre uno spazio polifunzionale e family friendly per affrontare al meglio l’esperienza del Fuorisalone. Non solo un’esposizione ma un vero e proprio servizio offerto al distretto Tortona.

Domus approda nel cuore del Tortona District allestendo presso il nuovo Spazio Copernico Tortona 33, una mostra interamente dedicata alla città di Milano, intitolata “Milano Next”. Un’estensione concettuale della speciale guida “Domus Urban Stories Milan” che è stata realizzata dalla testata raccogliendo quindici testimonianze d’eccezione – tra cui Studio Mumbai, Jasper Morrison e Maurizio Cattelan – e tracciando altrettanti percorsi d’autore assolutamente inediti per la città.

Nella location d’eccezione della Fondazione Gianfranco Ferrè, Guri I Zi, impresa sociale che promuove l’empowerment delle donne albanesi grazie al sostegno di Istituto Ganassinie marchio di prodotti tessili per la casa realizzati a mano, presenta la sua collaborazione con la designer Marta Sansoni, che ha creato e progettato per il brand la linea di pouf FLOATING ON. Riconfermata la presenza di MOOOI in via Savona.




Read More

Share Tweet Pin It +1

0 Comments

In curiosità design

DIGITAL CYRCUS. Design d’autore in digital fabrication

Mostra di design da Vicolo Folletto Art Factories a Reggio Emilia. Oggetti dei grandi maestri realizzati con stampanti 3D, laser cut, frese CNC.




Vicolo Folletto Art Factories di Reggio Emilia (Vicolo Folletto, 1) si apre al design contemporaneo presentando Cyrcus (www.cyrcus.it), un movimento/azienda, fondato dal designer Denis Santachiara e sviluppato con lo studio Coppa+Landini, che traccia una nuova utopia nelle arti e nel design industriale, perché la cultura e il fare digitale diventino una vera rivoluzione nel dibattito estetico, creativo e sociale.



L’esposizione “DIGITAL CYRCUS. Design d’autore in digital fabrication” è stata inaugurata sabato 12 novembre 2016, e grazie alla sua piattaforma online, Cyrcus produce e vende design autoriale, che si esprime nella forma e nei processi attraverso la digital fabrication professionale, una modalità produttiva che consente la massima possibilità di personalizzazione da parte del cliente.


Tutti gli oggetti esposti sono quindi stati realizzati grazie a macchine professionali come stampanti 3D, laser cut, frese CNC, da grandi autori come Alessandro Mendini, Ronen Kadushin, Sebastian Bergne, Michele De Lucchi, Paolo Deganello, Denis Santachiara, Alberto Meda, Giulio Iacchetti, Alberto Nason, Maria Christina Hamel, Paolo Ulian, Moreno Ratti, Odo Fioravanti, Anna Gili, Emilio Nanni e molti altri. 


In mostra, anche la panchina in marmo di Carrara “Playpanca” di Denis Santachiara, vincitrice del premio Icon Award 2017 ed il vassoio “Rez”, appositamente creato da Denis Santachiara per Marta in Cucina.


A fianco di autori così internazionalmente riconosciuti, Cyrcus promuove anche giovani designer, inserendo i loro progetti nella sua collezione. 

Cyrcus espone, inoltre, negli spazi di Vicolo Folletto Art Factories, opere uniche o numerate perché prodotte in piccola serie dai designer, progettate per questa complessa modalità produttiva al fine di indagare nuove estetiche e nuove empatie creative.


«Grazie alla digital fabrication», dice il designer Denis Santachiara, «il rapporto con il cliente torna ad essere più vivo e proattivo: è possibile richiedere personalizzazioni per forma, colore, dimensione, materiale di un progetto pensato appositamente dal designer per essere flessibile ed adattabile alle esigenze di chi lo acquista, come se il cliente diventasse anche committente, realizzando così l’utopia della mass customization».


Nella galleria sarà attivata, per questo motivo, anche una postazione internet collegata alla piattaforma Cyrcus per permettere agevolmente ai visitatori di scegliere, personalizzare e prenotare gli oggetti esposti.


L’esposizione sarà aperta al pubblico da martedì a venerdì 9.00-20.00, sabato ore 9.00-17.00 e domenica 10.00-18.00, previo appuntamento.
Per informazioni:gallery@vicolofolletto.it



Link:http://www.vicolofolletto.it

Read More

Share Tweet Pin It +1

0 Comments

In curiosità

ARREDAMENTO ON LINE: LE NUOVE TENDENZE ARRIVANO DAL WEB

Nuovi scenari e opportunità per gli operatori del settore arredamento: web e dispositivi mobile.



Una nuova ricerca, pubblicata dal Sole 24 Ore che illustra le attuali tendenze del settore arredamento online, utilizza le informazioni ottenute da autorevoli fonti web (Google, Audiweb, Netcom, Fattore Web) e permette di comprendere quanto sia significativo il canale web per tutti gli addetti al settore arredamento.

Ai riferimenti tradizionali (negozi, showroom, fiere…) si uniscono le nuove forme di comunicazione, che stanno avendo sempre più successo. Infatti ogni mese ci sono 8 milioni di utenti che visitano siti di arredamento alla ricerca di ispirazioni, idee per arredare la casa e offerte per comperare online arredamento per la casa, il giardino e l'ufficio . 


Sempre più utenti cercano soluzioni sul web e smartphone e tablet sono sempre più utilizzati per trovare articoli di arredo online. Tra le categorie più cercate l'Arredamento e design, mentre tra i settori di maggior interesse nel mondo dell' arredo troviamo al primo posto arredamento per camere da letto e bagni, seguiti a ruota da arredo giardino, arredo cucine, mobili per ufficio.

Altro fenomeno in crescita è quello delle ricerche per zona, ovvero quelle di chi cerca punti vendita in zone specifiche.

E' sempre più importante utilizzare il web per essere nel mercato perché affianca ai metodi tradizionali nuove opportunità per la vendita di arredo online.





Read More

Share Tweet Pin It +1

0 Comments

Popular Posts