In curiosità

I segreti del legno nell'arredamento

Il legno. Un materiale naturale, vivo, che viene utilizzato per la costruzione di mobili, piani di appoggio come i top delle cucine, porte e pannelli scorrevoli o divisori,  rivestimenti murali e per il parquet (di cui vedremo le caratteristiche in un altro post).

classificazione del legno

In base al tipo di albero da cui proviene ha caratteristiche di venatura e resistenza differenti, date anche dalla stagionatura del legno tagliato, da cui si ottengono legni forti e duri, legni dolci, legni fini e duri:
  • I legni forti e duri sono quelli di quercia, abete, frassino, platano.
  • I legni dolci sono quelli di pioppo, castagno, betulla.
  • I legni fini e duri sono quelli di noce, ciliegio, olivo, ebano, palissandro, mogano, teak.
In commercio, soprattutto per gli arredi, esistono molte varianti di semilavorati che determinano la resistenza, leggerezza, qualità e di conseguenza il prezzo finale del mobile.

Vediamo i vari tipi e le principali caratteristiche.


IL COMPENSATO
LEGNO COMPENSATO
LEGNO COMPENSATO
tratto da: www.tuttolegno.eu
E' un semilavorato molto utilizzato nella costruzione di mobili e pannelli. E' costituita da 3 o 5 stati
sottili di legno incollati tra loro con le fibre disposte perpendicolarmente (ossia ruotate di 90° rispetto allo strato soprastante) che ne irrobustisce l'insieme: a parità di spessore è più flessibile e resistente del legno naturale.
In genere lo strato centrale più spesso è di un legno meno pregiato rispetto agli strati esterni. In questo modo si riescono ad abbassare i costi.
Una variante è il compensato marino: viene utilizzato per opere in esterno e per la nautica per la sua resistenza all'acqua.

IL LAMELLARE
LEGNO LAMELLARE
tratto da: www.tuttolegno.eu
E' costituito da assi di legno massello incollati tra loro a formare pannelli di diverse dimensioni e spessori. essendo molto robusto si presta bene alla realizzazione di piani tavolo e top delle cucine. Un pannello in legno lamellare a parità di spessore, offre una flessibilità e resistenza maggiore rispetto al legno massello.




IL MASSELLO
LEGNO MASSELLO
tratto da: www.tuttolegno.eu
E' ricavato dal taglio diretto del tronco dell'albero, poi sottoposto a stagionatura, tramite un processo
di essiccazione, in modo da ridurre il tasso di umidità all'interno e renderlo lavorabile. E' un legno molto pregiato che mantiene tutte le caratteristiche del legno: essendo "vivo" è soggetto a subire variazioni (dilatazione e restringimento) in base a umidità e temperatura dell'ambiante in cui si trova. Ha costi molto elevati proprio perché è legno puro.

IL LAMINATO
LEGNO LAMINATO
tratto da: www.tuttolegno.eu

Si tratta di un foglio di truciolare o di multistrato rivestito con un sottile foglio di resina melamminica incollata. Il risultato è un legno robusto che si presta ad essere utilizzato per piani di tavoli o cucine, mobili, ripiani vari ecc. Rispetto ad un asse di legno massello delle stesse dimensioni risulta essere più resistente e flessibile.



IL MULTISTRATO
LEGNO MULTISTRATO
tratto da: www.tuttolegno.eu
Il multistrato è composto da fogli di sottili di legno ricavati dai tronchi. Questi vengono incollati tra loro con le fibre disposte in senso alternato (sempre in numero dispari 3,5,7 ecc.) in modo da ottenere un pannello in cui le tensioni e le deformazioni sono "compensate" dalla disposizione alternata delle fibre.
I pannelli possono avere vari spessori (da 3mm fino a 40mm) e varie misure, si trovano anche impiallacciati ad esempio con essenza di noce o mogano, particolarmente adatti per realizzare porte e ente in quanto fa assumere al pannello l'aspetto di un massello pregiato. 



IL TRUCIOLATO
LEGNO TRUCIOLATO
tratto da: www.tuttolegno.eu
E' composto con scarti di legno sminuzzati, pressati e incollati fino a formare dei pannelli con varie dimensioni e spessori. Può essere rivestito con formica o materiali plastici oppure impiallacciato donando un aspetto molto simile al legno massello, è molto utilizzato per realizzare ante di armadi, piani di lavoro delle cucine e librerie ma non tollera l'umidità: infatti se viene bagnato tende a gonfiarsi scollando anche il rivestimento sovrastante. Inoltre ha difficoltà a trattenere le viti (tende a sbriciolarsi) per questo bisogna utilizzarne specifiche per truciolare. 

IL TAMBURATO
LEGNO TAMBURATO
tratto da:  www.tuttolegno.eu
Il tamburato è un pannello costituito da due fogli di truciolato o compensato incollati su un telaio di legno. Essendo la struttura interna vuota, riempita internamente con degli alveoli di carta per mantenere solidità e forma, risulta essere molto leggero ed apprezzato per la produzione di porte e ante di armadi che richiedono spessori superiori ai 3cm. Viene impiallicciato con legno nobile o laminati e la ferramenta (cernere, viti) deve essere applicata solo sul telaio.


Se volete approfondire la vostra curiosità su questo nobile materiale vi consiglio il sito a cui mi sono ispirata per questo post: www.tuttolegno.it

Related Articles

0 commenti:

Posta un commento

Popular Posts